Fenice o Cenere?

La ri-emersione dei contratti locatizi a canone concordato.

Apprendiamo dal “Secolo XIX” del 31 gennaio 2018, che, sulla necessità, per ottenere le agevolazioni fiscali per i contratti locatizi così detti a canone concordato, della certificazione dell’Associazioni di Proprietari Immobiliari e/o di Inquilini, della scheda tecnica e/o dei dati tecnici allegata a tali contratti, vi sia stata qualche velata protesta da parte di alcuni proprietari di immobili.

Leggi il seguito

Brevi cenni sulla nozione di “condominio minimo”

Si ritiene utile porre all’attenzione del lettore alcune considerazioni, anche se necessariamente molto brevi e stringate, sul concetto di “Condominio minimo”, in quanto può accadere di sentirne parlare in occasione di Assemblee condominiali o di leggerne in qualche scritto di autori giuridici o in qualche isolata pronuncia giurisprudenziale.

Leggi il seguito

Corso Amministratore Condominio

Corso Amministratore Condominio per amministratori di condominio è disciplinato dal decreto del Ministero della Giustizia n° 140 del 13 agosto 2014. Reso obbligatorio dall’art. 71 bis delle disposizioni di attuazione del codice civile.

Il decreto è stato introdotto dalla legge di riforma del condominio, per tutti coloro intendano svolgere l’incarico di amministratore. L’obbligo formativo ha una cadenza annuale,  una durata di almeno 15 ore e riguarda elementi in materia di amministrazione condominiale: ai compiti e ai poteri dell’amministratore, in relazione all’evoluzione normativa, giurisprudenziale, e alla risoluzione di casi teorico-pratici.

Leggi il seguito

La casa rubata

Nel terzo millennio, dopo che da decenni la storia ha sanzionato il fallimento delle ideologie collettivistiche, scopriamo (in realtà è una sgradevole e amara conferma) che in Italia vi sono 49 mila alloggi pubblici occupati abusivamente, -oltre a moltissimi e non quantificati alloggi di proprietà privata come dimostra il recentissimo caso di Via Curtatone a Roma- e che tra il 2004 e il 2013 le occupazioni sono aumentate del 20 per cento con un picco, per citare integralmente Goffredo Buccini che scrive sul Corriere della Sera di sabato 2 settembre, “tra il 2011 e il 2013 quando gli tsunami tour degli antagonisti invadevano anche cinque o sei palazzi alla volta”.

Leggi il seguito

Il salto del ministro

Apprendiamo, leggendo le tragiche cronache del disastro di Torre Annunziata, che il Governo, secondo quanto dichiarato dal Ministro Graziano Delrio, intende inserire nella prossima legge di stabilità, l’obbligo della certificazione statica nei contratti d’affitto e di compravendita.

Occorre, secondo il ministro, un salto di qualità culturale dei proprietari immobiliari che, sino ad oggi,si sarebbero sempre messi di traverso bloccando ogni tentativo di riforma.

Leggi il seguito

Acquisto prima casa: agevolazioni fiscali e requisiti

Se tutti sanno che quando si effettua una compravendita immobiliare si devono pagare delle imposte sull’acquisto, un po’ meno noto è che queste imposte variano a seconda dei casi e che si applicano in percentuali od importi differenti.
Imposte più ridotte si applicano sugli acquisti effettuati con i cosiddetti “benefici prima casa”, agevolazioni fiscali cui l’acquirente ha diritto in presenza di determinati requisiti -da valutare sempre unitamente ad operatori del settore- quali l’acquisto di un immobile non di lusso o vincolato (esclusi quindi gli acquisti di ville, castelli, palazzi vincolati per pregi artistici o storici, case di lusso, rientranti nelle categorie catastali A/1, A/8, A/9), l’avere la residenza anagrafica nel territorio del Comune ove è sito l’immobile (o quantomeno l’impegno a trasferirvela entro 18 mesi dalla data dell’acquisto, pena la decadenza dal beneficio, oppure lo svolgimento di attività lavorativa in detto Comune o ancora altre specifiche ipotesi) nonché il non essere titolare di altro immobile -sito nello stesso Comune ed anch’esso acquistato con i benefici prima casa- oppure impegnarsi a venderlo entro un anno dall’acquisto in questione (ciò accanto ad altre ipotesi più articolate).

Leggi il seguito

La zanzariera

Il Condominio non può divietare l’installazione di una zanzariera mobile su di un balcone di proprietà esclusiva di un condomino, a condizione che ciò non contrasti con il decoro architettonico e con l’estetica dell’edificio, nel suo complesso.

Ciò è quanto è stato deciso , opportunamente, stante l’approssimarsi del periodo estivo, dal Tribunale di Milano con la recente sentenza del 17 marzo 2017.

Leggi il seguito

Revoca dell’Amministratore; è necessario l’Avvocato?

Pur trattandosi (formalmente) di procedimento camerale in ambito di volontaria giurisdizione, il ricorso per la revoca dell’Amministratore di condominio, avrebbe, sostanzialmente, natura di procedimento contenzioso, con la necessità della difesa tecnica e, quindi, della presenza dell’Avvocato. almeno ciò è quanto ha ritenuto il Tribunale di Modena, in sentenza n. 58/2016.

Leggi il seguito

L’avviso di convocazione di Assemblea di Condominio.

Una delle questioni più dibattute in giurisprudenza ed in dottrina è quella relativa al momento in cui deve considerarsi come eseguita la comunicazione della convocazione di assemblea al condomino, ovviamente, quando l’avviso non viene recapitato a mani o non viene immediatamente o contestualmente ritirato.

Su Altalex reperiamo la notizia e l’informazione che la Suprema Corte, per risolvere la querelle, e con la sentenza n. 25791 del 14/12/2016 ha ritenuto che si possano applicare, in via analogica, alla comunicazione dell’avviso di convocazione dell’Assemblea di Condominio, i principi stabiliti in materia di notificazione di atti giudiziari, dalla Legge n. 890/1982.

Leggi il seguito